Wall Painting in Pompeii.

Wall Painting in Pompeii.

Plaster, Stucco, Paint.

Dalla prefazione di Massimo Osanna

Il volume di Agneta Freccero analizza gli apparati decorativi sia in stucco che ad affresco da una prospettiva diversa rispetto a quella degli altri volumi editi precedentemente nella Collana di Studi e Ricerche di Pompei, e che esula da un approccio legato solo allo studio delle officine e dello stile per entrare nella materia prima costitutiva degli stessi. Lautrice parte infatti dallanalisi dellunità minima che compone lo stucco e la pellicola pittorica per risalire, attraverso un percorso di sintesi dal particolare al generale, ad una seriazione crono-tipologica da confrontare con la tradizionale, e ormai in parte superata, divisione della pittura pompeiana in quattro stili, sempre di pari passo con lo studio delle tecniche artigianali di cui limpiego e la lavorazione della materia prima costituiscono una delle poche tracce tangibili. Per raggiungere questi risultati lautrice ricorre a diversi tipi di analisi sia minero-petrografiche, con sezioni sottili dei campioni di stucco e delle preparazioni delle pitture, che chimiche con difrattometria a raggi X, spettroscopia FTIR e in alcuni casi con microscopio elettronico a scansione (SEM).

Il volume affronta anche il tema della conservazione con una riflessione sulle tecniche e i materiali impiegati negli scorsi decenni per la tutela degli affreschi e degli stucchi delle domus pompeiane, con una overview che si ferma agli interventi precedenti allazione del Grande Progetto Pompei. E su questo tema ora il Parco Archeologico di Pompei, grazie a quel grande laboratorio interdisciplinare non solo di restauro ma anche di ricerca che è stato, e continua ad essere, il Grande Progetto Pompei, è riuscito ad elaborare delle linee guida e degli interventi esemplari che si pongono come paradigma per i futuri interventi nel sito.

Non possiamo che apprezzare questo studio per lo sguardo nuovo a temi, quali quello degli stucchi e degli affreschi pompeiani, spesso studiati per la loro qualità estetica e per il portato semanticamente rilevante e molto meno per quanto riguarda la materia prima impiegata per dare forma a questi significati.

Preface (M. Osanna)
Introduction
Acknowledgements
Section I. Topics relevant to this study
Methodology
Context and documentation
Sampling and qualitative analyses of samples
Laboratory examinations
Archaeological and stylistic considerations
Wall Painting and the Four Pompeian Styles
Style Zero
The First Style
The Second Style
The Third Style
The Fourth Style
Painters and workshops
Conservation at archaeological sites
Conservation materials
Methodological and practical problems
Plaster groups, phases, and styles
Group 0
Group A
Group B
Group C
Group D
Group E
Group F
Group G
Group H
Group X

Section II. Plaster investigation
Part 1: Insula I 9 and Forum
Insula I 9
Casa del BellImpluvio (I 9,1
Casa di Successus (I 9,3
Casa del Frutteto (I 9,5)
Casa I 9,8
Casa I 9,9-10
Casa di Amarantus (I 9,11-12)
Casa di Cerere (I 9,13)
Insula I 9: Summary
Forum
Basilica (VIII 1,1)
Temple of Apollo (VII 7,32)
Temple of Jupiter (VII 8,1)
Edifice of Eumachia (VII 9,1)
Temple of Vespasian (VII 9,2)
Macellum (VII 9,7)
Casa di Pansa (VI 6)
Forum: Summary
Part 2: The early period and relative chronology
Regions VI and VII: Pompei. Progetto Regio VI
Casa delle Amazzoni (VI 2,14)
Casa del Granduca Michele (VI 5,5)
Casa del Centauro (VI 9,3-5)
Casa del Marinaio (VII 15,1-2)
Casa di Sallustius (VI 2,4)
Casa I 16,5
Casa V 3,8
Casa di Marcus Lucretius (IX 3,5-24)
Casa e panificio di Papirius Sabinus (IX 3,19-20)
The Temple of Venus (VIII 1,5)
Casa del Torello (V 1,7)
Taberna (V 1,24)

Part 2: Summary [...]

Printed Book
pp: 164, 100 b/w ill, 30 colour ill.
Item Code:00013238
ISBN: 978-88-913-1651-6
€ 110,00

Add to Cart Wishlist


E-Book
PDF
Item Code:DE013238
ISBN: 978-88-913-1653-0
€ 88,00

Add to Cart Wishlist

Sign up for our Newsletter

To stay up-to-date with our publications