Altri Filtri
Germanico nel contesto politico di età Giulio Claudia

Germanico nel contesto politico di età Giulio Claudia

La figura, il carisma, la memoria. Perugia 21-22 novembre 2019

Condividi su:

Germanico e sua moglie Agrippina Maggiore, la sua numerosa famiglia (nove figli di cui ne morirono tre in tenera età) incarnarono nella Roma di Tiberio un modello politico nuovo, che guardava oltre i confini della tradizione e si apriva a elementi che erano rimasti al di fuori fino ad allora dalla scena del potere. Portavano il sangue dei Giulii e quello dei Claudii, e ciò era il presagio di una sintesi, che nella seconda parte della dinastia si estese fino a coinvolgere anche la parziale ma rilevante ripresa delleredità di Marco Antonio e di alcune linee della sua politica. Il volume, frutto del Convegno internazionale tenuto nellinverno del 2019 a Perugia analizza in particolare come la figura di un grande personaggio, che non riuscì a consacrarsi appieno, improntò tuttavia di sé non solo una parte rilevante del regno del primo successore di Augusto, ma anche le successive partite interne alla prima dinastia per la successione al potere i cui esiti, non certo per un caso, videro laffermazione consecutivamente del figlio, e poi del fratello e del nipote di Germanico.


Germanicus and his large family (his wife Agrippina Major and nine children) embodied in Tiberius Rome a new political model that looked beyond the boundaries of tradition and opened up to elements that had remained outside the scene of power until then. They bore the blood of the Julii and the Claudii, and this was an omen of a synthesis, which in the second part of the dynasty extended to include the partial but significant revival of the legacy of Mark Antony and some of his political choices. This book is the result of the International Conference held in the winter of 2019 in Perugia and it analyzes how a great figure, who did not succeed in fully consecrating himself, not only marked a significant part of the reign of the first successor of Augustus, but also the subsequent internal games of the first dynasty for the succession to power, whose results, certainly not by chance, saw the affirmation of his son, and then his brother and of his nephew.

Sign up for our Newsletter

To stay up-to-date with our publications