Altri Filtri
IUS SCRIPTUM

IUS SCRIPTUM

Lineamenti di Epigrafia e Papirologia

  • Series: Manuali L'ERMA, 4
  • Pages and Illustrations: 192
  • Publication Year: 2020
  • Available soon
Condividi su:

Questo libro non è tanto un manuale di epigrafia né di papirologia e neppure di paleografia, sebbene ne mostri di tutti caratteri e affinità. Il suo carattere innovativo piuttosto consiste in una visione nuova e più completa dello studioso dei documenti provenienti dallantichità. Sono infatti maturi i tempi per superare artificiosi steccati e definizioni sorti storicamente in momenti culturali e politici precisi, che oggi, ancor più che nel passato, mostrano la loro debolezza scientifica. E poiché non siamo studiosi di certe materie, bensì di problemi. E i problemi possono passare attraverso i confini di qualsiasi materia o disciplina - secondo un luminoso insegnamento di Karl Popper - epigrafi, papiri, tavolette, pergamene, graffiti su cocci o intonaci, pitture, ecc., saranno oggetto di una trattazione unitaria finalizzata a trasmettere al lettore le necessarie competenze per leggere un documento antico, a prescindere dal suo supporto scrittorio e dal tipo di scrittura utilizzata (capitale, maiuscola, corsiva, minuscola, onciale, ecc.), e con metodo ricostruirne il contesto per ricavarne così ogni informazione possibile.

Il manuale è, dunque, articolato in due parti. Una parte generale dedicata alla storia della scrittura, ai materiali scrittori, alla storia del libro, alle varietà di scritture, agli elementi essenziali della paleografia. Mentre, nella seconda parte speciale, contiene si affronta lanalisi tra i più importanti importanti documenti (epigrafi, papiri, manoscritti) che attraversano la storia di Roma dalletà arcaica a quella tardoantica.

This book it is neither a manual about epigraphy, papyrology, or paleography albeit it has all the characteristics and analogies to be considered as such. Instead, its innovative nature lies in a new and more complete image of the ancient documents from the viewpoint of the scholars who study them. The time to overcome misleading barriers and definitions is overdue. Today, more than ever, such concepts, which came to be during specific cultural and political periods, show their weak scholarly foundations. Consequently, following Karl Poppers brilliant statement that we study not disciplines, but problems, and often problems transcend the boundaries of a particular discipline: epigraphs, papyri, tabulae, parchment, graffiti, paintings, and so forth will be treated as one with the unique objective to give the reader the skills needed to read an ancient document, regardless of its writing surface and script type (Majuscule, Minuscule, Cursive, Capitals, Uncial, etc.) and with applied methodology reconstruct its context in order to obtain the largest amount of possible information.

Therefore, this manual is formed of two sections: The first part presents a history of writing, its surface support materials, instruments, and types of scripts, the essential elements of paleography and a history of the book. Whereas the second part of the manual takes on the analyses between the most prominent documents (epigraphs, papyri, manuscripts) which convey the history of Rome from the Archaic Period to Late Antiquity.


Orazio Licandro, ordinario presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche dellUniversità di Catania, insegna Storia delle Istituzioni politiche dellAntichità, Papirologia e Paleografia. Insegna, altresì, Epigrafia e Papirologia giuridica nel Corso di Alta Formazione in Diritto romano dellUniversità Sapienza di Roma. È autore di oltre 70 pubblicazioni, tra libri e saggi apparsi su riviste internazionali, atti di convegni, raccolte di studi, che spaziano dal diritto costituzionale al diritto privato e processuale civile e criminale, dalletà arcaica a quella tardoantica. È componente del Comitato di Direzione del Bullettino dellIstituto di diritto romano Vittorio Scialoja, e dei Comitati scientifici di Studia et Documenta Historiae et Iuris e di Koinonia. Tra i suoi ultimi libri: Lirruzione del legislatore romano-germanico. Legge, consuetudine e giuristi nella crisi dellOccidente imperiale (V-VI sec. d.C.), Jovene 2015; Cicerone alla corte di Giustiniano. Dialogo sulla scienza politica (Vat. gr. 1298). Concezioni e dibattito sulle formae rei publicae nelletà dellassolutismo imperiale, LErma di Bretschneider 2017; Augusto e la res publica imperiale. Studi epigrafici e papirologici, Giappichelli 2018.
Per la didattica è autore con Nicola Palazzolo di Roma e le sue istituzioni dalle origini a Giustiniano, Giappichelli 2019.





Prefazione

Parte generale

Capitolo I
1. Premessa
2. Epigrafia e papirologia
3. Epigrafia e papirologia giuridica
4. Epigrafi, papiri e diritto romano
5. Epigrafia e papirologia giuridica, tra tradizione e storia
6. Storia della papirologia e dellepigrafia
7. (segue) Per una storia dellepigrafia giuridica: luso di tituli e manoscritti nel medioevo ed oltre (G. Purpura)
8. (segue) Letà moderna e contemporanea
9. Le principali raccolte epigrafiche e papirologiche
10. Epigrafia e papirologia e le nuove tecnologie informatiche
11. Il mestiere dellepigrafista-papirologo:
a) Lettura, integrazione, datazione dei documenti;
b) Classificazione


Capitolo II
1. Brevi cenni sulla storia della scrittura
2. Gli alfabeti in Italia
3. Lalfabeto latino
4. La diffusione della scrittura a Roma
5. Pubblicità e pubblicazione

Capitolo III
1. La scrittura antica
2. Notae, legature, stenografia
3. I materiali scrittori. Premessa
4. Pietra, legno e metalli nelletà più antica
5. La tecnica della scrittura epigrafica
6. La carta e la nascita del libro
7. La charta di papiro e il rotolo o volumen
8. La nascita del codex
9. La pergamena
10. Altri materiali: a) I tessuti
11. b) Lavorio
12. c) La carta
13. Commercio e depositi librari: tabernae e biblioteche


Parte speciale

Capitolo I
1. Leges, edicta magistratuum, senatusconsulta, constitutiones principum
2. Le leges regiae: la stele arcaica del Foro
3. Le leges publicae: a) la lex Acilia repetundarum
4. b) Sulla tavola perduta della Lex de auctoritate Vespasiani (G. Purpura)
5. I senatusconsulta: il senatusconsultum de Bacchanalibus
6. Gli statuti municipali: la lex Irnitana
7. Le constitutiones principum: a) la Tessera Paemeiobrigensis
8. b) Gli pokrmata di Settimio Severo
9. c) La cittadinanza romana e la constitutio Antoniniana del 212 d.C.
10. d) Lo Gnomon dellIdios Logos
11. e) LEdictum de pretiis rerum venalium

Capitolo II
1. I Diplomata militaria
2. LEpistula praefectorum praetorio di Sepinum

From the same author or series

Sign up for our Newsletter

To stay up-to-date with our publications