Altri Filtri
Navi mercantili e barche di età romana.

Navi mercantili e barche di età romana.

Condividi su:

Dalla Premessa dell'Autore

Gli studi e le scoperte di archeologia e storia navale condotti da ormai cinquantanni hanno permesso di affrontare la ricostruzione delle navi antiche con una visione dinsieme, che ovviamente non permette di completare tutti gli argomenti, ma che consente di pensare alle navi antiche in termini obiettivamente più realistici, per quanto possiamo ipotizzare, e più vicini alla mentalità di chi ha costruito ed ha usato le imbarcazioni; si possono cioè evitare estrapolazioni di fantasia o scenografiche, che erano tipiche della pubblicistica ottocentesca e che ancora si incontrano, ad esempio nella cinematografia, in molte immagini pubblicate in rete, o in modelli proposti anche in mostre o musei. A questo aspetto si deve aggiungere la quantità di dati recentemente venuti alla luce da discipline diverse come la letteratura e la linguistica, larte e larcheologia dei territori, che hanno permesso di ricostruire almeno in parte la rete della navigazione, il quadro culturale e di vita quotidiana che ha fatto da sfondo allattività dei costruttori, dei barcaioli e dei marinai. Ho voluto quindi aggiornare il tema della ricostruzione di navi mercantili e di barche di età romana, riassumendo un percorso di ricerca che parte idealmente, e personalmente, dal 1961, data della pubblicazione, in Italia, dello splendido volume di Bjrn Landstrm: La nave, che ha prodotto il meglio proprio a partire dal capitolo sulletà romana. Nel 1963 Nereo Alfieri ha pubblicato sullEnciclopedia dellArte Antica il suo saggio sulliconografia navale e non fu un caso che nel 1964 venisse ristampato lo studio di Cecil Torr Ancient ships, una tappa fondamentale nello studio delle fonti letterarie sulle navi antiche. Seguì poi, nel 1970 la ristampa dellimportante volume di James Hornell, Water Transport, Origins and early Evolutions. Da allora larcheologia navale ha compiuto grandi progressi, con gli studi di Lionel Casson, Lucien Basch e di Pietro Janni sulle fonti letterarie ed iconografiche, che hanno avuto un supporto fondamentale dalle sempre più numerose scoperte di archeologia subacquea e di imbarcazioni in terraferma. Attorno al 1960 venne scoperto il metodo antico di costruzione con il guscio portante; ne sono seguite molte ricerche e pubblicazioni e, tra le molte che riguardano larea mediterranea, è doveroso ricordare quelle di George Bass, Peter Throckmorton, Richard Steffy, Patrice Pomey, Eric Rieth, Michel Rival, Ronald Bockius, Cemal Pulak, Piero Gianfrotta, Piero DellAmico, Stefano Medas, Carlo Beltrame, Giulia Boetto, che hanno permesso di studiare molti relitti antichi e di ricostruirne soprattutto la tecnica costruttiva. Mi sono inserito in questo filone di ricerche appunto dal 1961 con studi su reperti specifici e su argomenti di carattere generale, cercando anche di ricostruire il percorso tecnico e culturale, che dalla tecnica costruttiva ha portato allarchitettura navale. Questa ricerca storica, archeologica e di storia delle costruzioni navali ha avuto un apporto considerevole dalla ricerca linguistica e tecnica sulle tradizioni costruttive che hanno conservato, nelle culture materiali orali recenti, criteri e tecniche riconducibili a quelle antiche. Ciò è avvenuto, ad esempio per lItalia, sul Lario, sul Po, nelle regioni centrali interne o nei cantieri tradizionali delle nostre coste ed ho potuto approfondire questo aspetto della ricerca nellambito dellAtlante Linguistico del Laghi Italiani fondato dal compianto Giovanni Moretti delUniversità di Perugia per le acque interne. Per le acque marittime ho contribuito al progetto The evolution of wooden shipbuilding in the Eastern Mediterranean during the 18th and 19th centuries impostato dal 1993 dallarch. Costas Damianidis (Atene) sotto gli auspici dellUNESCO, seguito da approfondimenti individuali, soprattutto in Adriatico ed in Sicilia.

CAPITOLO I - GLI INIZI
Barche etrusche
Una nave piccola del V sec. a. C.
Una nave grande a due alberi, V sec. a. C.
Navi mercantili del III sec. a. C.

CAPITOLO II - LESPANSIONE ROMANA NEL MEDITERRANEO
La nave della Madrague des Giens, 70 circa a. C.
La nave dellAnse des Laurons, I sec. a. C.
La nave di Comacchio, età augustea.

CAPITOLO III - LA PAX ROMANA
Nave per il trasporto di vino in dolia, I sec. a. C.
Tipo navale daltura di dimensioni medie del II sec. d. C
Rilievo Torlonia
Nave annonaria di grandi dimensioni II - III sec. d. C.
Isis descritta da Luciano.
Nave di grandi dimensioni, a tre alberi.
Rilievo portuense a Copenaghen e Nave con vela tarchia.
Nave di dimensioni medie del III sec. d. C.

CAPITOLO IV - BARCHE
Lintres.
Barca F di Pisa.
Caudicaria del Tevere,
Lenunculus del Tevere
Horeia, grande e piccola.
Barca C di Pisa (età augustea).
Tre barche da pesca e per i servizi portuali.
Chiatta per trasporti endolagunari.
Battana alto adriatica.
Barche a remi dei laghi di Nemi e di Piediluco (I - II sec. d.C.).
Barca del pescatore (Fiumicino 5).
Barca dellAdige.
Phaselus

CAPITOLO V - VERSO IL MEDIOEVO
Barca di Pietro e Andrea (Ravenna).
Barca di Ravenna. V - VI sec. d. C.
Nave del VI sec. d. C.

CAPITOLO VI - IL CONTESTO NAVALE
Carico e contenitori: le anfore.
Come venivano costruite le navi.
Come venivano concepite le navi.
Le vele.
Timoni, ancore, pompa di sentina, attrezzi.

From the same author or series

Sign up for our Newsletter

To stay up-to-date with our publications